Il tuo carrello è vuoto.

Consegna gratuita a partire da € 80.

Salute: l'indagine, italiani piu' sedentari d'Europa

Salute: l'indagine, italiani piu' sedentari d'Europa

Roma, 18 set. (Adnkronos Salute)

Attività sportive occasionali o nulle, cattive abitudini a tavola, troppo tempo seduti in ufficio durante il giorno o sul divano la sera, ma soprattutto poca strada a piedi. Gli italiani sono il popolo più sedentario d'Europa, con una media di 0,8 chilometri percorsi ogni giorno a fronte dei 3,3 dei norvegesi, dei 2 chilometri dei tedeschi, dell'1,3 dei francesi. Ci battono anche gli spagnoli che percorrono in media ogni giorno 100 metri più di noi. La responsabilità? Sicuramente un eccesso di dipendenza dall'automobile, una bassa propensione (soprattutto al centro-sud) al movimento fisico, ma anche il 20% di tempo in più passato a tavola nel periodo che va da aprile a settembre.

È quanto emerge da un’indagine europea curata dagli esperti di Minceur Discount (www.minceurdiscount.it), sito dedicato ai prodotti dietetici e dimagranti, che ha analizzato i dati e le stime sull'attitudine al movimento all’interno dei diversi Paesi europei esaminando, in parallelo, i comportamenti alimentari sbagliati più ricorrenti. E le sorprese non sono mancate: gli italiani che si mettono a dieta sono perlopiù scostanti (65%), poco informati (43%), pigri (26%). "Per mantenersi in forma non è necessario passare ore in palestra o fare diete severe - spiega Letizia Sperduti, dietista di Minceur Discount - Bastano piccoli gesti quotidiani come camminare almeno 30 minuti al giorno, evitando ove possibile di prendere l’auto. Fondamentale, inoltre, un’alimentazione sana ed equilibrata: mangiare verdure a ogni pasto (meglio se fresche e di stagione), proteine magre (carni bianchi, pesci, uova) o vegetali (legumi). E ridurre senza eliminarli i carboidrati. Bando invece a sale e bibite gassate. Niente drastici rimedi, quindi, ma buona volontà".

Occhio ai mesi caldi: nei mesi che vanno da aprile a settembre il 65% della popolazione italiana passa a tavola il 20% del tempo in più. Non solo, molti non rinunciano alla pennichella pomeridiana, mentre un italiano su due da Roma in giù (53%) associa la passeggiata al consumo di ulteriore cibo. La classifica europea della sedentarietà ci vede quindi all’ultimo posto. I maggiori camminatori d’Europa sono, ma non è una sorpresa, gli scandinavi, in primis norvegesi (3,3 km al giorno), svedesi e danesi (3,1). Vengono poi gli olandesi (2,7), gli austriaci (2,2), i tedeschi (2) gli inglesi (1,7), i francesi (1,3), i belgi (1,2), i greci (1), gli spagnoli (0,9). Gli italiani, in media, percorrono ogni giorno a piedi appena 800 metri.