Il tuo carrello è vuoto.

Consegna gratuita a partire da € 80.

Fino a -47% su una selezione di prodotti

L’ENCICLOPEDIA DELLA DIETA IPERPROTEICA

CHETOSI:

In una dieta iperproteica la “chetosi” è il processo metabolico che riduce la presenza dei carboidrati (zuccheri) nell'alimentazione. Non ricevendo zuccheri dall’alimentazione, il corpo deve cercare un'altra fonte di energia e utilizza i grassi per produrre i “corpi chetonici”. I grassi sono brucciati e la massa muscolare è protetta grazie all'apporto costante di proteine nella dieta.

BARRETTE/BISCOTTI/WAFER:

Le barrette, i biscotti e i wafer sono piuttosto riservati alla FASE2 o in previsione di un'attività sportiva. Ci sono anche delle Barrette, dei Biscotti e dei Wafer FASE1: si consiglia di prenderli a colazione o come spuntino alle 10h una volta al giorno.

ZUCCHERI:

Se proprio non riuscite a fare a meno dello zucchero, consigliamo di sostituirlo con FRUTTOSIO (1cucchiaino al giorno), SUCRALOSIO, MALTOSIO o STEVIA. Cercate di disabbituarvi al gusto del dolce. Ciò vale anche per le bevande Light o Zero Calorie. Va da sé che gli alcolici sono assolutamente vietati nella FASE1 e autorizzati 1volta alla settimana nella FASE2.

LATTICINI:

  • Il latte o il latte in polvere devono essere scremati o parzialmente scremati.
  • Lo Yogurt 0% deve essere magro, cioè 55Kcal massimo per 100g di prodotto. Evitare lo Yogurt alla Frutta, anche se indicato come “Magro”, e preferite gli Yogurt fatti con latte scremato/semiscremato. Lo Yogurt è autorizzata 1 volta al giorno (max.125g).
  • Il formaggio deve contenere meno del 15% di Materia Grassa a prodotto finito. Sono autorizzati 30g di formaggio al giorno.

CARBOIDRATI:

Anche detti Glucidi, sono gli zuccheri, e dunque da limitare. Gli unici carboidrati autorizzati sono quelli contenuti nei Prodotti Iperproteiche, per assicurare all’organismo l’equilibrio nutrizionale giornaliero di cui ha bisogno. Non riuscite a vivere senza pane e pasta? MinceurD propone anche la Pasta Iperproteica e il Pane Iperproteico (già pronto o da preparare), da considerare come “1 Prodotto Iperproteico” (pane iperproteico=50g; pasta iperproteica=50g). I carboidrati si possono introdurre gradualmente nell’alimentazione classica della FASE2 sotto forma di pane integrale, pasta,.... MAI pane e altri farinacei nello stesso pasto. Si consiglia di limitare i farinacei a 1-2 volte alla settimana, preferibilmente a pranzo.

LIPIDI:

Sono i grassi, dunque da limitare a 2 cucchiai a pasto d’olio d’oliva (come condimento, ma anche per la cottura, senza farlo friggere). Limitate il sale e approfittate delle spezie e dei condimenti come aceto di vino o limone, che sono a volontà.

FRUTTA:

Ricordate che la frutta contiene del fruttosio, dunque zucchero, anche se ha meno impatto sulla chetosi rispetto al glucosio. La Frutta è autorizzata 1volta al giorno a colazione nella FASE1 e al pomeriggio nella FASE2.

PROTEINE NATURALI:

Sono contenute naturalmente negli alimenti d’orgine animale (carne, uova, pesce, latticini) e vegetale (come la soia, le mandorle, il lupino).

La Dieta Iperproteica è sconsigliata ai bambini, adolescenti, donne incinte o che allattano. E alle persone che soffrono dei seguenti disturbi: Disturbi comportamentali, in particolare, disturbi alimentari, alcolismo, tossicodipendenza - Porfiria - Arteriopatia cerebrale - Malattie del fegato e renali - Diabete mellito - Diabete mellito trattati con antidiabetici orali - Tumori ematologici - Squilibrio degli elettroliti - Ipotensione ortostatica - Malattie cardiovascolari o cerebrovascolari (disturbi del ritmo cardiaco, infarto recente, angina instabile, insufficienza cardiaca congestizia, ictus recente) - Malattie metaboliche ereditarie - Disordini di Crown Heights - Alcuni interventi chirurgici. Contro-indicazioni minori: Trattamenti con dei medicinali..